Rollerblade o Pattini

Rollerblade o Pattini

Ciao Amici oggi vi parlo in questo articolo dei nostri conosciutissimi e famosi Pattini a rotelle chiamati Rollerblade. Tutti noi siamo cresciuti almeno con questi pattini ai piedi…ma la generazione di ora ha ben altro di meglio..quindi passano in secondo piano anche  se restano un regalo originale per i compleanni dei bambini e ragazzini vediamo la loro storia e come usarli per la nostra salute!

Se fino a circa 10 anni fa era una assoluta novità importata dagli Stati Uniti, oggi è facile vedere le nostre strade, le piazze, i lungomare trasformati in enormi piste di pattinaggio, soprattutto con l’iniziativa della domenica in città chiusa al traffico.

La caratteristica positiva di questo allenamento all’aria aperta è proprio la possibilità offerta di non stare chiusi in casa o in palestra, ma di godere anche dei benefici di un’aria salutare e fresca, che, oltre a far bene al fisico, dona benessere e relax anche alla mente, combattendo lo Stress.

Il pattinaggio sui rollerblades, o in-line skating, è un’attività che tutti possono praticare, perfino chi soffre di Cuore; è stato provato, infatti, che ha un effetto benefico sull’apparato cardiocircolatorio e anche chi ha da poco subito un infarto può trarne giovamento. Inoltre, il movimento caratteristico, detto scivolata, pur essendo molto simile, come attività, a quella prodotta dal jogging, non produce gli stessi EFFETTI COLLATERALI, cioè microtraumi dovuti al passo, perché risulta essere un movimento fluido e tranquillo.

I muscoli interessati dal pattinaggio su rollerblades sono essenzialmente quelli del dorso e delle braccia, utilizzati per darsi lo slancio durante la scivolata, e poi tutti quelli degli atri inferiori: cosce, gambe, glutei, ma anche addominali. Inoltre, quest’attività migliora il senso di equilibrio, necessario per mantenersi stabili sui pattini.

Sebbene l’in-line skating apporti numerosi vantaggi, ci sono alcune categorie di persone che non possono praticare questo sport: innanzitutto gli obesi, che rischierebbero forti traumi nel caso di cadute, poi persone che presentano disturbi dell’equilibrio e pazienti ortopedici, cioè che hanno problemi con le articolazioni. Il consumo energetico è pari a circa 500 calorie per ogni ora di pattinaggio, che possono essere aumentate aumentando la velocità o la flessione delle gambe.

Qualche consiglio

Innanzitutto, se sei un assoluto principiante, meglio fare qualche ‘prova preliminare’ su un prato e passare all’asfalto soltanto quando ti sentirai veramente sicuro; prova, per esempio, a restare in equilibrio su un solo piede per volta e, quando passerai all’asfalto, assicurati che le ruote siano ben pulite dai residui di erba e sassolini. Se conosci qualcuno che sa già pattinare, cerca di farti aiutare nei primi tempi; fatti insegnare a frenare e a mantenerti in equilibrio, in modo che possa acquistare una certa sicurezza prima di tentare da solo.

Non dimenticare mai di indossare gli accessori (parapolsi, ginocchiere e gomitiere e soprattutto il casco), di modo che, anche se dovessi cadere, i danni siano nulli o molto limitati. Per i primi tempi, cerca di evitare manovre spericolate o pendii ripidi, ma preferisci sempre strade dritte o piazze, in modo che sia più facile anche arrestarsi, e luoghi con pavimentazione liscia (per esempio i campi da basket). Rispetta sempre il codice stradale; pattina soltanto in spazi riservati, come marciapiedi o, meglio ancora, piste ciclabili e tieni la destra, come se guidassi un’auto.

Leggi Anche:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi