Antitrust, Android cambierà per la Russia?

Condividi su

Antitrust, Android cambierà per la Russia?

La giustizia russa ha respinto la richiesta di appello di Google contro la decisione dell’antitrust, che imponeva un cambiamento nel regime delle preinstallazioni a cui Mountain View vincola gli OEM, o una multa cospicua.

 

Google potrebbe dover affrontare le conseguenze della decisione delle autorità antitrust russe in materia delle politiche di bundling adottate per Android: la richiesta di appello presentata da Mountain View è stata respinta.

A sollevare il caso, incentrato sulle clausole che si accompagnano ai contratti MADA che Google stipula con i produttori di dispositivi mobile, era stato il concorrente Yandex: lo scorso anno, dopo essersi visto rifiutare da tre produttori di smartphone Android la preinstallazione dei propri servizi, aveva denunciato il comportamento della Grande G. L’istruttoria delle autorità antitrust russe era sfociata in accuse formali: Google avrebbe violato la legge imponendo a coloro che volessero vendere dispositivi Android il vincolo di installare, oltre a Play Store, un ventaglio di proprie applicazioni, che insieme al motore di ricerca devono essere posizionante in modo da spiccare rispetto alle altre app e a servizi terzi.Nel momento in cui le autorità russe avevano fissato il termine ultimo entro il quale Google si sarebbe dovuto adattare e avrebbe dovuto modificare i termini dei propri contratti, Mountain View aveva depositato una richiesta di appello affinché la decisione fosse riesaminata, in modo tale da scongiurare le modifiche o la multa, da calcolare con un procedimento amministrativo per una somma che potrebbe raggiungere un massimo del 15 per cento del fatturato del 2014 stimato tenendo conto del mercato delle app preinstallate.

La Corte Arbitrale di Mosca ha ora comunicato di supportare appieno la decisione dell’antitrust, ritenendo che Google abusi della propria posizione dominante sul mercato russo e violi la legge imponendo ai produttori la preinstallazione delle proprie app a discapito della concorrenza.


Condividi su
Queste pagine web non rappresentano una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.Tutti i diritti di proprietà ed i Copyrights anche se non espressamente specificati, vengono riconosciuti ai legittimi proprietari.Le foto e il materiale riprodotto in queste pagine provengono in prevalenza da internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti posso in ogni momento chiedere la rimozione, scrivendo a uno degli indirizzi di posta elettronica. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001. © Tutti i testi sono di proprietà e il copyright dei rispettivi proprietari.Tutti i marchi, le copertine, le foto, i testi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. NonSoloMusicaeRicette offre post e/o informazioni generiche basate sulla libertà di parola e di pensiero. Tutti i post che si ritengono lesivi verso persone o cose dopo una comunicazione verranno subito rimossi.