Francesco Renga – Era Una Vita Che Ti Stavo Aspettando

Condividi su

Francesco Renga – Era Una Vita Che Ti Stavo Aspettando

Se fossi tu,
al posto mio
ad osservarti appena ti alzi e ti muovi
e con le mani ti accarezzi i capelli.
Se fossi tu
chissà se riusciresti,
ad indossare per un’ora i miei occhi
e a fissarti fino a che non ti stanchi.
Ah, ma quanto pesa l’anima?
Pochi grammi soltanto,
ma i più pesanti che un uomo ha.

Guardo il cielo sopra la città che sta morendo,
penso che forse non te l’ho mai detto,
ma era una vita che ti stavo aspettando.
Perché non solo sei bellissima,
ma la più bella del mondo.
Mentre ti guardo sognare io penso:
era una vita che ti stavo aspettando.

Stringimi adesso.
E se fossi tu l’unico rimedio
per non cadere dentro i soliti errori
che ogni volta non riusciamo a evitare
Ah, ma quanto pesa quest’anima?
Pochi grammi soltanto,
ma i più pesanti che un uomo ha.

Guardo il cielo sopra la città che sta morendo,
penso che forse non te l’ho mai detto,
ma era una vita che ti stavo aspettando.
Perché non solo sei bellissima,
ma la più bella del mondo.
Mentre ti guardo sognare io penso:
era una vita che ti stavo aspettando.

Stringimi adesso,
stringimi adesso,
stringimi adesso.

Guardo il cielo sopra la città per cercare il paradiso
e poi lo trovo lì sopra il tuo viso
mentre ridi prendendomi in giro.
E sei fantastica anche quando sei incazzata con il mondo,
mentre ti guardo sognare io penso:
era una vita che ti stavo aspettando.

Stringimi adesso.
Stringimi adesso.
Stringimi adesso.
Stringimi adesso.

 


Condividi su
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001. © Tutti i testi sono di proprietà e il copyright dei rispettivi proprietari.Tutti i marchi, le copertine, le foto, i testi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca.